15/02/10

Esperienza personale di ciclismo urbano




Esperienza personale di ciclismo urbano


Perché uso la bicicletta nei miei spostamenti urbani?

Una forma latente di snobismo mi ha portato ad accettare questa che all’inizio mi è parsa una sorta di sfida personale alla società, a mio giudizio un po’ troppo a misura di auto.

Ora mi trovo ad utilizzare la bicicletta per raggiungere il mio posto di lavoro a circa 4 Km da casa mia: tenendo conto che pranzo a casa, ogni giorno percorro 16km solo per recarmi a lavoro. Non sono pochi ma nemmeno tanti, insomma non mi è venuto il sedere di pietra. Per quando piove mi porto appresso incerata e pantaloni da pioggia e vado a lavoro (sempre 16km pausa pranzo compresa).

Anche se per questo motivo vengo additato sul lavoro (e fuori) quale “fondamentalista”, ho già fatto un certo proselitismo: alcuni colleghi hanno cominciato a recarsi sul posto di lavoro in bici, anche se limitatamente al periodo estivo.




Come ci si trova? Quali sono i vantaggi?

Praticando il mountainbike oramai da 10 anni non ho avuto problemi di affiatamento con il mezzo meccanico; sono in grado di risolvere autonomamente tutti quei piccoli inconvenienti che si possono presentare (no, non sono in grado di saldare un telaio spezzato, non perlomeno sul bordo della strada), conosco per esperienza le reazioni del mio corpo per cui so dosare le energie per fare chilometri e chilometri, ho un buon occhio per anticipare le mosse degli altri utenti della strada.

E’ abbastanza scontato dire che mi trovo bene a muovermi in bici, meno scontato è affermare che in auto mi trovo male! Stare fermo incolonnato con il motore acceso mi innervosisce più di prima; andare a fare la spesa con l’auto e cercare un posto dove parcheggiare mi fa ammattire; andare al mare in auto, impiegando 10 minuti per arrivare a Marina e altri 20 minuti per cercare il parcheggio (e non trovarlo) mi fa bollire il sangue, oltre al radiatore dell'auto.

In bici non ho di questi problemi: che ci sia traffico, che non ci sia, che piova o ci sia il solleone io impiego lo stesso tempo per andare a lavoro, ovvero lo stesso tempo che impiegherei con l’auto in condizioni di traffico ottimali.

Andando in bici ci si rende conto che ti puoi permettere più lussi rispetto all’auto:

- puoi andare da casa fino in centro, fino in collo a Canapone,

- puoi andare a fare alla spesa senza aver bisogno del posto libero, basta un muro dove appoggiare la bici e due borse laterali per portare la spesa (a patto di saper rinunciare alle offerte 3x2 per motivi di peso ed ingombri);

- scopri che per andare da un punto A ad un punto B con la bici farai sempre la strada più breve, basterà seguire la linea più diretta evitando i palazzi;

- con la bici fai ginnastica quando ti sposti, (pensate che ottima alternativa costituisce rispetto alla mezz’ora di traffico persa per andare in palestra a fare spinning…).




E quali gli svantaggi?

Lo svantaggio principale è dato dall’ambiente in cui ci si muove: usando una definizione abbastanza stereotipata si può dire che la strada è una sorta di giungla ove la parte del leone è tenuta dalle auto (ora ci sono anche i SUV…).

Il ciclista in questa giungla, non essendo certo la creatura più “robusta” ha dalla sua la propria agilità.

Applicando il concetto di “difesa attiva” e “difesa passiva” vediamo che il ciclista fruisce solo della prima, ovvero possiede l’agilità che le permette di schivare le situazioni di pericolo.

Invece l’auto, pur mantenendo una certa capacità di evitare incidenti (abilità del guidatore, freni efficaci, tenuta di strada), possiede anche la difesa passiva data dalla struttura stessa dell’automobile la quale protegge il guidatore (e dobbiamo contare anche i vari air-bags e cinture di sicurezza).

Se dovessi affidarmi alla “difesa passiva” offertami dal telaio della bici starei lustro!





Cosa si potrebbe fare per migliorare la situazione?

Una rete ciclabile cittadina costituisce già di per sé una buona cosa, pur mantenendo personalmente una certa scetticità sulle piste ciclabili urbane per il semplice motivo che non necessariamente esse coprono il tragitto per andare dove voglio io, o nei casi migliori, non rappresentano affatto la via più breve.

Per farla breve, se devo andare in un posto distante 1 km non voglio essere costretto a fare la “ciclabile del parco” di 3 km!

E poi, finché il Codice della Strada mi annovera tra gli utenti della strada, io vorrei utilizzare in sicurezza (evidenzio: in sicurezza) tutto quello che viene definito “strada” e non solo la parte di essa denominata “pista ciclabile”.

Quindi a mio giudizio (ribadisco, a mio giudizio) salutiamo con gioia la prossima realizzazione di piste ciclabili urbane ma non consideriamola un punto di arrivo….





Cosa si potrebbe fare per incentivare le persone a muoversi in bici?

La pista ciclabile in questo senso è un valido aiuto per incoraggiare le persone a recarsi a lavoro o in centro in bici, questo poiché essa garantisce la pedalata in sicurezza senza avere il patema d’animo di sentirsi minacciati dagli altri mezzi circolanti.

Ecco che traspare come l’incentivo maggiore venga dato dalla percezione di sicurezza che avverte il cittadino-ciclista quando fruisce della strada: ogni azione volta in questo senso (piste o corsie ciclabili, rallentatori di velocità, “zone 30” ecc.) costituisce una base importante.

Altri fattori prettamente “culturali” possono influire non poco sulla decisione di utilizzare la bici: una nuova percezione del cittadino in bici non più come “pezzente-perché-va-in-giro-in-bici” ma come persona che non si fa condizionare dagli status-symbol ai quali antepone la comodità e il piacere di vivere la città a viso scoperto, portando il proprio contributo a non intasare-intasarsi nell’ambiente urbano divenuto sempre più ostile.

Personalmente il tragitto casa-lavoro in bici mi ha permesso di poter apprezzare particolari della città finora ignorati poiché con l’auto ero impegnato a tenere il mio posto nella auto-colonna delle 7.55 (e al ritorno in quella delle 17.00)





Che consigli dare a chi vuole usare la bici per muoversi in città?

I consigli in tale campo possono andare in varie direzioni:

- consigli sulla sicurezza

- consigli sull’abbigliamento

- consigli sul mezzo

consigli sulla sicurezza

Tenere conto che pedalando in città l’essere visti è importante quanto e forse più del vedere: non sempre infatti viene percepita la nostra presenza dall’automobilista, tendenzialmente sensibile alla percezione solamente di altri autoveicoli.

Porre attenzione in tale senso anche nel sorpassare a destra auto ferme o che procedono più lentamente di noi: non vedendoci, potrebbero svoltare improvvisamente a destra chiudendoci la strada.

NON posizionarsi mai a lato di camion! È difficilissimo esser visti e in caso di svolta degli stessi c’è un certo rischio di finirvi tra le ruote…

Sarebbe importante a mio avviso l’obbligo per i camion dell’installazione di barre di protezione laterale poste tra le ruote anteriori e posteriori, ciò al fine di evitare che il ciclista o il pedone possa accidentalmente finire nello spazio sopra descritto e subito dopo sotto le ruote posteriori. In alcuni paesi questo dispositivo è obbligatorio per legge, sarebbe bello lo fosse anche in Italia.

Prestare la dovuta attenzione negli incroci: avere la precedenza non vuol dire automaticamente che ci daranno la precedenza.

Dato il suo piccolo ingombro nella strada, il ciclista talora viene sottovalutato se non ignorato.

Tempo fa una tipa mi tagliò la strada per immettersi nella mia carreggiata, non prima di aver guardato oltre la mia sagoma per vedere se dietro di me vi era la presenza di qualche auto (come se io fossi trasparente).

A tale scopo ricordarsi che il maggior pericolo viene da lato e non da dietro!

Per quel che riguarda l’utilizzo del casco in città (toh, ecco una forma di difesa passiva) ci sono diverse scuole di pensiero: casco sì perché protegge da traumi, casco no perché non protegge da traumi…

La discrezionalità in questo caso è l’unica risposta: chi si sente di indossarlo lo indossi, ci sono tanti bei caschi in commercio per ogni capoccia (e sono pure trendy se può interessare).

Consigli sull’abbigliamento

Se è freddo copritevi, se è caldo no. Tutto qui.

Vi sono in commercio capi specifici per il ciclista, in tessuti dai nomi più esotici e dalle proprietà al limite del taumaturgico, ma tutto ciò ovviamente non ha senso per andare a lavoro (posto che ne abbia anche nelle attività sportive).

Basterà vestirsi normalmente, e decorosamente, magari evitando sciarpe svolazzanti o cappelli altrettanto svolazzanti. Molto comoda sarà una striscia di velcro per poter fasciare il pantalone destro all’altezza della caviglia per evitare di sporcarsi con la catena.

Per la sera consiglio un bel gilet arancione con retroriflettenti, quello che si trova in commercio nei distributori di benzina (e a metà prezzo dalle altre parti), sotto i fari delle auto ci rende luminosi come una divinità indiana. Sconsigliato ai timidi e agli introversi.

Al fine di fronteggiare eventuali precipitazioni consiglio di portare con sé una incerata (o kee-way) ed un paio di pantaloni dello stesso materiale: in caso di necessità ci consentono di arrivare a destinazione abbastanza asciutti.

Per i più audaci (nella guida e nel look) consiglio di adottare lo stile dei bike-messengers, in “italiano” pony express: pantaloncini da ciclista con fondello, soprapantaloncini, scaldamuscoli, magliette, giubbe antivento, incerate (la famosa vestizione a cipolla), casco, il tutto ovviamente di un colore diverso dall’altro. Tutto questo è giustificato dal variare della temperatura giornaliera visto che la mattina fa più freddo del pomeriggio; il colore più chiassoso non è dovuto ad una voglia di emulazione dei pappagalli, ma è funzionale allo essere visibili, che per un bike-messenger solitamente dotato di guida aggressiva può far la differenza tra consegnare una missiva in tempo e spalmarsi su un cofano di auto.

Eventuali bagagli possono essere portati indosso con uno zaino o sulla bici mediante borse e portapacchi.

Solitamente preferisco il secondo sistema per una questione di “libertà articolare” anche se lo zaino ha il vantaggio (e talora svantaggio) di essere sempre al seguito del ciclista e non con la bici .

Molto comoda la borsa anteriore che permette di avere quel che serve a portata di mano (cellulare, biscotti, attrezzi, guanti, macchina fotografica, fate voi…)

Consigli sul mezzo

Anche qui non ci sono pregiudiziali, come dire, “de gustibus”.

Dividendo le bici per 4 grandi categorie si può dare una succinta descrizione delle stesse:

Bici da corsa



bici leggerissima e scattante, è quella che trasforma meglio di tutte la forza muscolare in moto rettilineo. Per mostrare questo privilegio necessita di un mondo tutto suo, costituito da strade asfaltate senza buche o difetti. In città può essere usata, a patto di saper convivere con scossoni e botte provenienti dall’asfalto imperfetto sulle ruote; se trovate una stradina sterrata potete solo ignorarla.

Mountain bike


Robusta anche se non eccessivamente pesante, è una sorta di trattorino per poter andare nelle strade più impervie mantenendo la possibilità di percorrere comunque tratti asfaltati (la definizione più corretta per questo tipo di bici è francese: VTT ovvero Velò Tout-Terrain). Non possiede assolutamente la scorrevolezza e lo scatto di una bici da corsa, però le sue gomme di cospicua dimensione assicurano un confort maggiore e una protezione dalle varie imperfezioni stradali.

E’ a mio avviso ridondante per la città la presenza di elementi ammortizzanti anteriori e posteriori, che tanto vanno di moda oggidì. Essi hanno ragion d’essere nel campo elettivo della mountain bike, ovvero le strade sconnesse, le mulattiere e i sentieri; per la città una coppia di ruote da 1.95’ è sufficiente.

City bike


Se il meglio sta nel mezzo questa bicicletta dovrebbe essere il meglio, rappresentando una sorta di compendio delle caratteristiche delle due tipologie sopra elencate.

Simile alla bicicletta da corsa, possiede ruote di maggiore sezione, posizione confortevole con manubrio largo e freni da mountain bike, quasi sempre dotato di portapacchi, parafanghi ed impianto di illuminazione (che bello…).

La bici autarchica


Mi sia consentito di inserire a pieno titolo le vecchie bici “da uomo” con cerchi in ferro e freni a bacchetta, catena e corona completamente coperte da carter parafanghi, un rapporto solo, fanale modello Citroen 2CV, mozzi con oliatore e robustezza infinita: reperti archeologici di un’era pre-consumistica, nella quale ciò che si creava doveva durare nel tempo (decenni, non stagioni). Basti pensare che tuttora “vanno a ruba” in tutti i sensi.



Tirando, ma veramente tirando, le somme si può affermare:

bici da corsa = velocità

mountain bike = robustezza

city bike = comfort

Vi è una differenziazione anche in termini di prezzo: si va dal mod. “supermercato” da 100 euro al modello da fanatico da 5000 euro ed oltre. Possiamo tradurlo anche come da modello “pericoloso” a modello “spreco di soldi”.

Una bici decente deve garantire un telaio robusto che non si spezzi nelle saldature o nei tubi, deve garantire una componentistica funzionale e funzionante con un cambio che non si accartocci su se stesso quando viene azionato un po’ più bruscamente, deve garantire che i freni arrestino la bicicletta come e quanto serve e che non si squaglino al contatto con i cerchi (sembra quest’ultima una cosa ridicola ma ci sono stati dei morti anche in Italia per questo motivo).

In Italia le city bike sono solitamente quelle un po’ più trascurate tecnicamente e nella componentistica, dovendo rispondere anche a criteri di economicità ed essendo rivolte ad utenti non esperti che hanno come unico parametro il costo dell’oggetto, salvo poi presentare mille piccoli problemi nell’utilizzo quotidiano.



Per ora, questo è quanto. Il discorso non è chiuso qui, ovviamente: vi sono altri dettagli che approfondiremo in fase successiva (alla prossima botta di ispirazione).



A questo punto di commiato, quindi, non resta che salutarvi augurando a voi cari lettori una bella esperienza in bici (o, in alternativa, una bella coda in auto...)



Giuseppe Rosalia

. .
.

.

I professionisti del Giro d'Italia denunciano





I professionisti del Giro d'Italia denunciano "Milano pericolosa per i ciclisti"

--------------------------------------------------------------------------------

Nella tappa di MILANO, i ciclisti hanno inscenato una protesta contro la pericolosità del circuito.
Una protesta clamorosa rovina la tappa milanese - La Gazzetta dello Sport: Giro d'Italia
La corsa è stata volontariamente interrotta dai ciclisti e Danilo Di Luca, in qualità di Maglia Rosa, nonchè di vicepresidente dell'Associazione dei corridori professionisti ha testualmente dichiarato:
«Dopo il primo giro abbiamo visto che il circuito non era sicuro, per le presenza di macchine, degli spartitraffico, dei binari del tram. L'organizzazione ci ha supportato neutralizzando il tempo».

La domanda a questo punto è:
Se ciclisti professionisti preparati atleticamente ad affrontare le comuni avversità delle strade, pur gareggiando in condizioni di traffico nulle, ritengono troppo pericolose le auto in sosta, i cassonetti a lato strada, gli spartitraffico e soprattutto i binari del tram a filo, che cosa dovrebbero dire tutti coloro che usano la bicicletta per i propri spostamenti quotidiani?
. .
.

.

Il ciclista e il codice della strada ....

Il ciclista e il codice della strada



Il codice Stradale non prevede limiti d'età ne richiede il possesso di una patente per permettere di circolare in bicicletta.

In ogni caso è bene imparare alcune nozioni fondamentali, perché per utilizzare la bicicletta non basta saper stare in equilibrio su due ruote.


-
ECCO LE "Regole d'oro"

PEDALARE STANDO SEMPRE SULLA DESTRA:

sia in città, sia su una strada extraurbana, mantenendo entrambe le mani sul manubrio. Se c'è una pista ciclabile è meglio utilizzarla.

BRACCIO IN FUORI SE SI CAMBIA DIREZIONE:

se si deve svoltare o cambiare direzione di marcia bisogna segnalare sempre in anticipo le proprie intenzioni. Come?

E' sufficiente sporgere il braccio sinistro prima di spostarsi a sinistra.

Alzare il braccio, se si ha intenzione di fermarsi.

QUATTRO AZIONI PER SVOLTARE A SINISTRA:

controllare che dietro di sé non stiano arrivando veicoli. Sporgere all'esterno il braccio sinistro. Portarsi al centro della carreggiata. Dare la precedenza ai veicoli che giungono in senso opposto. Poi completare la svolta a sinistra.

NON FARE MAI MANOVRE BRUSCHE:

non cambiare mai all'improvviso la propria direzione di marcia o la corsia quando si va in bicicletta. Questo comportamento è pericoloso perché i veicoli dietro la bicicletta non possono fare in tempo a frenare.

SVOLTARE A SINISTRA DANDO LA PRECEDENZA:

se si vuole svoltare a sinistra bisogna sempre dare la precedenza ai veicoli che sopraggiungono nella direzione opposta.

NON PORTARE ALTRE PERSONE:

su bici e ciclomotori non si può trasportare altre persone: è vietato dal codice della strada. E' anche vietato, perché molto pericoloso. La multa va da 54 a 216 mila lire.

VIAGGIARE SEMPRE IN FILA INDIANA:

in città e fuori città è bene procedere in fila indiana, tenendo la destra. Utilizzare sempre, se esiste la pista ciclabile.

NON PEDALARE IN ZONA PRIVATA:

in città e fuori vi sono zone vietate alle bici. Alcune aree sono destinate ai soli pedoni. Sulle autostrade, e su strade con appositi divieti non possono circolare pedoni, bici e ciclomotori.

NON SI PUO' STARE AFFIANCATI AD UN ALTRO CICLISTA:

viaggiare affiancati in bicicletta è molto pericoloso. In questo modo s'intralcia la circolazione dei veicoli e si mette in pericolo la propria incolumità fisica.

DI NOTTE BISOGNA FARSI VEDERE BENE:

di notte bisogna indossare abiti chiari e bisogna controllare che l'impianto d'illuminazione funzioni. Anche i catadiottri sono obbligatori: rosso dietro, giallo sui pedali e su entrambi i lati d'ogni ruota.

.
.
.

.

03/02/10

Pedalata di solidarietà per ciclista multato




Pedalata di solidarietà per ciclista multato in via Libertà


Il consigliere comunale del gruppo Altra Palermo, Fabrizio Ferrandelli, partecipa, alle 11 in piazza Pretoria, alla pedalata di solidarietà a Giovanna Russo, la ciclista palermitana multata qualche giorno fa perché passeggiava in bici sui marciapiedi di via Libertà



21 marzo 2008 – Multata perché passeggiava in bicicletta sui marciapiedi di via Libertà. È quello che è successo qualche giorno fa a Giovanna Russo, una ciclista palermitana. Stamattina alle 11 a piazza Pretoria i consiglieri comunali del Gruppo Altra Palermo, Fabrizio Ferrandelli e Angelo Ribaudo, hanno organizzato una manifestazione di protesta davanti alla sede del Consiglio comunale. Insieme a loro decine di ciclisti palermitani a bordo delle proprie biciclette hanno passeggiato sui marciapiedi del centro per protestare contro la decisione della polizia municipale.

«Vogliamo essere multati anche noi – dice Fabrizio Ferrandelli – E se i vigili non lo faranno siamo pronti a fare scattare una denuncia per omissione». «È intollerabile – aggiunge il consigliere comunale – che in una città in cui il livello d’inquinamento è quotidianamente fuori controllo e in cui a breve saranno istituite le ztl sia punito chi sceglie di spostarsi con mezzi ecologici, come la bicicletta, e quindi non inquinanti. Il vero problema è che a Palermo non si è mai fatto un programma serio sulla realizzazione delle piste ciclabili e la conseguenza è che il ciclista è costretto a camminare sui marciapiedi. Ma il fatto che venga anche multato appare davvero un paradosso».


 .
.

.

ciclista multato 2





Primo ciclista multato: via 6 punti dalla patente

Via Baioni a Bergamo, ore 17. Domenica il sole picchia forte. Fumano le teste degli agenti della polizia municipale. Gli uomini in divisa scrutano l’incrocio a caccia di pirati della strada, ma ecco - improvvisamente - spuntare un pirata modello-Pantani.
Ma che fa? Passa col rosso? La paletta dell’alt si alza come da regolamento del nuovo codice della strada; per l’indisciplinato ciclista niente maglia rosa, ma un verbale umiliante come la maglia nera: multa di 150 euro e 6 punti tolti dalla patente. Anche così si entra nella storia. I poliziotti nella storia della severità ai confini del paradosso, il ciclista bergamasco nella storia del gran Giro d’Italia della sfiga.
Il campionissimo della malasorte si chiama Fabrizio Segnini, autotrasportatore, 43 anni. È lui il primo corridore caduto sull’asfalto reso viscido dalle nuove norme del decreto sicurezza. Ma a Segnini il ruolo del capitano un po’ snob piace poco, lui si identifica nella figura del gregario: atleta abituato a combattere, a faticare. Insomma, a vendere cara la pelle. Sarà per questo che poi si è rifiutato di firmare il verbale.
Segnini ingrana la marcia e va: «Ero salito in sella per perdere qualche chilo, invece mi hanno fatto perdere 6 punti dalla patente e 150 euro. Un’assurdità. Quando ho svoltato a destra col rosso la strada era completamente libera, senza auto né pedoni...».
In poche ore la notizia della clamorosa contravvenzione ha fatto il Tour de Bèrghem (altro che Tour de France...) con commenti a raffica che hanno animato un acceso dibattito sul cliccatissimo forum del sito www.bergamonews.it. Colpevolisti e innocentisti sfrecciano in pista come nella gara del chilometro lanciato. «Non vedo di cosa si dovrebbe lamentare il Segnini.... la legge non ammette ignoranza e aggiungo un bel.... Era Ora!», scrive «hue»; gli risponde «Guglielmo»: «Se lo stesso ciclista, con medesima infrazione, non fosse stato patentato, cosa gli toglievano? Sei punti dalla raccolta a premi del supermercato, o dei calciatori Panini 1987/88?».
«Effettivamente questa nuova norma introdotta dal decreto sicurezza pone seri interrogativi sul piano della sua legittimità costituzionale. Qualsiasi legge deve infatti valere erga omnes e non può prevedere un’applicabilità “differenziata” tra patentati e non patentati», spiega al Giornale l’avvocato Rosario Alberghina che spesso ha trattato cause legate a controverse interpretazione del codice stradale.
Ma nella sua scalata alla Coppi, Segnini non è un uomo solo al comando; a seguirlo a ruota c’è infatti un promettente diciassettenne della provincia di Roma, in vacanza a Policoro (Matera). Il giovane stava allegramente sprintando lungo il litorale ionico meglio di Bartali quando è stato stoppato dai carabinieri che, inflessibili, hanno verbalizzato l’«uso improprio di velocipede su strada extraurbana». A parte che erano dai tempi di Costante Girardengo che nessuno usava più il termine «velocipede», il ragazzo è stato fermato sulla strada statale 106 intorno alle 20.30, mentre era diretto a una festa. Peccato però che la festa gliela abbiano fatta i carabinieri, contestandogli «la presenza di un solo faro sulla bici» e quindi «elevandogli una multa di 33,50 euro».
La Benemerita tiene a precisare che «solo la minore età ha evitato al ragazzo la sottrazione di due punti dalla patente». I genitori del ragazzo hanno annunciato ricorso al Giudice di pace.

Per il verdetto, visti i tempi della giustizia, ci sarà parecchio da pedalare.


 .
.

.

Multato un ciclista





Milano, una domenica senz'auto: smog in calo Multato un ciclista

Era da 20 giorni consecutivi che l'aria di Milano era ammorbata oltre i valori limite consentito. Troppo. Il blocco è terminato: 697 multe. La polizia stradale multa un ciclista: "Guidava senza mani". Ecopass: gli Euro4 diesel senza filtro pagano. Formigoni e De Corato: "Un grazie ai cittadini". Ma trent'anni fa l'aria era più sporca ( RIDICOLO )


Le strade sono deserte e insolitamente silenziose, percorse solo da taxi, dagli autobus e dalle biciclette. Sono tanti i cittadini che hanno approfittato del blocco del traffico per trascorrere una domenica su due ruote, dandosi appuntamento in centro. Alcuni gruppi di ciclisti, in divisa e caschetto, si fermano per una foto ricordo davanti al Duomo. Altri milanesi, nonostante il freddo pungente, hanno scelto invece di fare jogging, correndo in mezzo alle strade senza dover fare gimcane fra le macchine.

Mezzi pubblici potenziati e metropolitane piene, come conferma il vice sindaco De Corato, dopo un giro a piedi da Porta Venezia a via Senato e una corsa in metro: "Ringrazio già i milanesi per come stanno rispettando il blocco. Non c'erano auto in giro stamattina, mentre tutti hanno scelto i mezzi". Le pattuglie di vigili, impegnate a far rispettare il divieto, sono state intanto aumentate da 140 a 177 "e stanno già dando dei risultati".

Via in bici... Grande successo anche per il BikeMi, il servizio pubblico di biciclette a noleggio, con 1650 prelievi, contro una media domenicale di 400. A usufruire del servizio di bikesharing dell'Atm è stato dunque il 400% di utenti in più, alcuni dei quali si sono spinti per una pedalata ben oltre le strade del centro.

Ciclista multato... Protagonista della vicenda è Gianfranco Giardina, un giornalista milanese che percorreva via Gallarate in bicicletta e si è visto affibbiare una contravvenzione per 'guida senza mani': "La strada era completamente deserta e ho tenuto le mani in tasca per un tratto di circa 300 metri perché avevo freddo" ha raccontato. Fermato dalla polizia stradale, Giardina ha ricevuto 23 euro di multa. "Non è per i soldi, ma trovo ridicolo che nella domenica senza auto, fermino proprio me che ero uscito in bici per rispettare il blocco". Sul verbale della contravvenzione sono state anche riportate le rimostranze del malcapitato che ha chiesto ai poliziotti se non avessero niente di meglio da fare che multare una bici. "Nel quarto d'ora in cui sono stati fermi con me, nessuno ha controllato le macchine che passavano" ha commentato Giardina.



 .
.

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog AMICI

Post più popolari