13/02/12

Germania, nasce l’autostrada per biciclette




Germania

 

nasce l’autostrada per biciclette …

 

e la seguono Inghilterra e Svezia


 L’uso della bicicletta, da sempre rimedio semplice e salutare per aiutare l’ambiente e, allo stesso tempo raggiungere gli obiettivi prefissati dal protocollo di Kyoto, è stato oggetto di forte interesse in Germania; dove ci si appresta a realizzare la prima autostrada per bicilette, per incentivare l’utilizzo delle bici e favorire la mobilità sostenibile. Al contrario della Germania, l’Italia ha spesso limitato questa fonte di risparmio energetico e di emissioni, forse anche a causa dello scarso peso che viene dato all’utilizzo della bici, da parte degli stessi cittadini al contrario degli altri paesi. Risulta però evidente che politiche come quelle attuate dalla Germania, incentivino, anche attraverso la curiosità, l’utilizzo delle bici.

Gli unici esempi nel nostro paese sono stati i vari servizi di bike-sharing, offerti dai comuni e sparsi in maniera troppo esigua in tutto il paese. Il progetto dell’autostrada per la Germania, risulta quindi il primo elemento concreto di incentivazione all’uso dele bici, con il collegamento autostradale che collegherà le città di Dortmund e Duisburg nella regione della Rurh, che si trova in una condizione molto frequente di traffico elevato.

In questo modo, si cercherà di ridurre allo stesso tempo traffico ed emissioni, con una colossale pista ciclabile lunga 60 chilometri e larga 5 metri, senza pendenze o curve strette che ne possano pregiudicare il percorso e con un’ottima base di asfalto, per aiutare il percorso dei ciclisti. L’idea è nata, come spiega il ministro Harry Voigtsberger, perchè è cresciuto fortemente nei tedeschi il desiderio di abbandonare l’uso delle auto e di sostituirle con le bici, sia per evitare le code sull’autostrada e sia per ridurre i costi legati all’utilizzo dei carburanti.

Il discorso diventa ancora più plausibile se si pensa che già la gran parte della popolazione della zona è in possesso, ed utilizza con frequenza le bici per i piccoli spostamenti e sarebbe quindi interessata alla realizzazione di quest’opera. Il progetto di crescita delle piste ciclabili cresce e si diffonde in tutta Europa, con i progetti di nuove autostrade per biciclette in Inghilterra e Svezia dopo quanto realizzato già in Germania.

L’Italia al contrario resta indietro in questo senso, se si esclude qualche piccolo esempio come la bicipolitana.Vero è che favorire lo spostamento in bicicletta è possibile quando già la mentalità di questo tipo è diffusa, come accade in Svezia. Ad esempio se si considera la città di Lund, si parla addirittura di un 60% della popolazione che preferisce usare la bici o i mezzi pubblici invece dell’auto, questa città con la realizzazione dell’autostrada sarà collegata a Malmoe, che oltre ad essere una delle più grandi città svedesi è anche quella in cui si utilizza di più la bici. L’uso delle bici in quest’ultima città scandinava è anche incentivato dai servizi di bike sharing che spesso sono inutilizzabili proprio per la forza domanda dell’utenza. La crescita continua della città di Malmoe in questo senso è anche legata ad una sorta di competizione tra la città svedese e la capitale danese, Copenaghen, che è detta la più bike-friendly al mondo, ma la crescita della città svedese è stata impressionante se si considera che ogni anno l’uso delle bici è aumentato del 30%, e quindi se la situazione resta la stessa, si candida al primo posto al mondo tra le città che prediligono l’uso della bici.

L’autostrada in questione sarà realizzata con due corsie per senso di marcia e si estenderà per la distanza tra le due città, ovvero i venti chilometri che le separano e dovrebbe avere in conclusione un costo complessivo di cinque milioni e mezzo di euro e favorirà anche anche la realizzazione del verde vista l’esigenza che si rende necessaria di proteggere le corsie dal vento con dei cespugli laterali. Tutto questo dimostra quanto siano proiettati in avanti i paesi scandinavi e gli altri del centro Europa in questo senso, e quanto poco stia invece facendo l’Italia.


.
.

. .
.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog AMICI

Post più popolari