21/05/10

DVERSE EVOLUZIONI HA SUBITO IL MONOPATTINO ....

 




.






.

il sistema di propulsione è senza pedali e sembra si ottenga facendo oscillare il corpo.



.
.

.
. Bookmark and Share . . . .

monopattino elettrico su giroscopi ,,,


monopattino 

elettrico  

a ruote parallele


Si tratta di un Segway un monopattino a due ruote parallele autobilanciato. Il poliziotto mi ha raccontato che alle Fs ne hanno acquistati 71 da dare in dotazione alla polizia per funzioni di controllo all’interno delle stazioni. La cosa più curiosa di questo mezzo di trasporto elettrico è che a guardarlo non ti spieghi come faccia a rimanere in equilibrio. Se decidi di salirci sopra lo fai pensando che finirai sicuro con il culo a terra, ma poi ti accorgi che è incredibilmente stabile e facile da portare. 
.





 il genialissimo Segway, una specie di monopattino elettrico su giroscopi, che ha purtroppo avuto un successo limitato per l'alto prezzo ma che sta iniziando ad essere adottato per i microspostamenti all'interno di grossi enti od aziende...


   -




. .

SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'


.



















LEGGI ANCHE




. Bookmark and Share
. .

 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 




.


. Bookmark and Share .

Monopattino Elettrico



la foto non corrisponde alla descrizione ma e' simile


Caratteristiche tecniche
Motore
Batterie
Velocità Max
Autonomia
Tempo di ricarica
Telaio
Freni (ant.e post.)
Pneumatici
Dimensioni
Dimensioni piegato
Peso

200 Watt
2x12V - 12 Ah in serie
18 Km/h circa
20 Km circa
4 ore circa
Alluminio anodizzato
A tamburo
3.00-4 Heckmann
113x106x50
103x57x26
23,5 Kg (15 senza le batterie)


Rollerblade XT-S
con omologazione stradale

XT S® è il nuovo monopattino pieghevole elettrico con sellino omologabile alla circolazione stradale.
Ecologico
Nessuna emissione di gas di scarico, nessun rumore molesto, XT S® è realizzato con materiali interamente riciclabili.
Il telaio in alluminio è garantito 10 anni contro corrosione ed è ripiegabile, per consentire il trasporto nel bagagliaio dell'auto od in barca. XT S® ha il manubrio regolabile in altezza e nella guida ha un ottima stabilità, maneggevolezza ed una piacevole ammortizzazione (grazie alle ruote di dimensioni più ampie della media). XT S® ha un sofisticato controllo elettronico delle funzioni, dalle luci al turbo del motore e possiede anche una chiavetta antifurto che funge da immobilizer.
Il ciclomotore è stato progettato nel rispetto delle normative in vigore ed in particolare:
- Direttiva macchina 97/24 CE e sue successive modifiche
 - Compatibilità elettromagnetica 9554/CE

TESTATO E DICHIARATO CONFORME DAL LABORATORIO UNIVERSITARIO L. NOBILI
In ottemperanza alla Legge 98/37 art. 1.7.3. ogni veicolo reca in modo leggibile ed indelebile le seguenti indicazioni: nome del fabbricante e suo indirizzo, la marcatura CE, designazione della serie e del tipo, anno di costruzione
CERTIFICAZIONE ENEA
(Ente per le nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente)
Norme applicate internazionali in conformità a EN1986-1
Verifica dell'autonomia
Determinazione di consumo della rete elettrica
Ricarica delle batterie
Norme applicate internazionali in conformità a EN1821-1
Verifica delle capacità di superare pendenze
-
.




. .

SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'


.



















LEGGI ANCHE




. Bookmark and Share
. .

 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 




.


. Bookmark and Share .

13/05/10

La parabola di Sante, tra biciclette e libertà




La parabola di Sante, tra biciclette e libertà

di : ANDREA SATTA



Novi Ligure ci fa soffrire. Tra il bandito e il campione ci resta impresso Sante Pollastri (Pollastro per la verità). Mi faccio aiutare, al confine del legale, da due uomini di cuore: Claudio Ferretti che s’intende di campioni e l’operaio imolese Tom … detto il Marabbo, un ragazzo anarchico, ferratissimo sulle pagine ignorate della storia libertaria italiana. Dice Luigi Grechi, il vero autore della celebre ballata dei «due ragazzi del borgo cresciuti troppo in fretta», (Luigi è (il fratello di Francesco De Gregori), che qualcuno lo tradì, Sante, mentre aspettava l’arrivo di Costante (Girardengo) e «l’ arrivo lo vide in manette».

Ma Il Marabbo ci tiene farci sapere che Pollastri non era un bandito qualunque, aveva un progetto politico e finanziò, con alcune rapine, il movimento libertario. Fu accusato di vari omicidi, girò parecchie carceri italiane e ottenne la grazia nel ‘59 a sessant’anni. Divenne venditore ambulante, ritornando a Novi, fino al ’79, l’anno in cui morì. Sante Pollastri al mercatino settimanale, c’erano già i motorini, tante automobili, Andreotti-Craxi-Pannella, forse Maroni era ancora comunista e lui era al mercato di Novi. Quante domande avrei voluto fargli… e nessuna avrei avuto il coraggio di… Girardengo invece vinse tantissimo, stracciò la concorrenza di Brunero e Enrici negli anni che furono anche di Bottecchia e della donna di cui siamo follemente innamorati, Alfonsina Strada.

Oggi, Novi è meta di gente di città, per via di un conveniente centro commerciale, ci si fa l’oretta e mezza, da e per la metropoli, per assaporare l’ipotesi di pagare meno qualcosa che magari non serve, regalando il risparmio alle multinazionali del petrolio. Siccome non solo nel ciclismo i numeri hanno un senso e le date pure, il bandito Pollastri venne arrestato nell’agosto del ’27, lo stesso mese e lo stesso anno in cui altri due anarchici, Nicola e Barth vennero giustiziati, sì Sacco e Vanzetti. E ci viene da piangere. E ora la cronosquadre: La Liquigas porta Nibali in maglia rosa, che vorrà dire? Dicevano che era venuto per il Tour, ma ora è primo, e Basso? Certo è presto per farsi problemi, e poi la cronosquadre porta al primo posto chi sta meglio in classifica ed è veramente presto per intravedere problemi fra i due. Ma insomma L’alfiere è Basso e la maglia rosa è Nibali. È il primosale del Giro. Facciamo che per oggi basta.

. .
.

.

. Bookmark and Share .

11/05/10

Un buono da 24 euro con 6 minuti di cyclette

Un buono da 24 euro con 6 minuti di cyclette

Copenaghen. La capitale danese sa come distinguersi quando si parla di rispetto per l’ambiente e scelte ecologiche – anche solo a livello simbolico e dimostrativo!
Vi ricordate l’Albero di Natale a pedali? L’idea è molto simile, ma anzichè alimentare lucine e addobbi, si alimenta… lo stomaco.
Il servizio è stato recentemente inaugurato al Crown Plaza Copenaghen Towers, un albergo relativamente nuovo (ha aperto nel novembre del 2009) e decisamente attivo nel campo delle scelte ecologiche (la struttura ha già ottenuto diverse certificazioni europee che ne attestano le scelte green).
I clienti potranno guadagnarsi un pasto gratis pedalando: alcune cyclette infatti sono preposte alla produzione di energia pulita.
Pedalando alla velocità di 30 chilometri all’ora si producono circa 100 watt ora di elettricità.
Con 10 watt orari si  ha diritto ad un “buono pasto”, di circa 24 euro: dunque 6 minuti di bicicletta saranno sufficienti per mangiare a sbaffo!
Le cyclette non esauriscono affatto la questione energetica e la necessità di impegnarsi per essere il più eco-friendly possibile – il valore simbolico dell’iniziativa però è rilevante e degno di nota!




. .
.

.
. Bookmark and Share .

10/05/10

La Giornata Nazionale della bicicletta 9 Maggio 2010




ll 9 maggio in tutto il Paese si svolgerà la prima edizione della Giornata Nazionale della Bicicletta, un’iniziativa voluta dal Ministero dell’Ambiente per sottolineare come una mobilità alternativa ed ecocompatibile può essere effettivamente realizzabile.
La bicicletta è sinonimo di salute, semplicità ed entusiasmo, essendo il primo mezzo di locomozione che ogni bambino riceve nella propria vita, un simbolo di ecocompatibilità contrario alla frenesia della vita urbana e all’inquinamento grazie all’assenza di emissioni velenose per l’aria.
È una filosofia di vita che va oltre il rispetto per il fisico, ma guarda anche al rispetto per l’ambiente che ci circonda.
La Giornata della Bicicletta vuole essere un’occasione di festa e di riappropriazione da parte della popolazione delle proprie città, troppo spesso preda del traffico caotico e inquinante e dalle quali ci si allontana durante il week end per “cambiare aria”, ma anche un momento di rilancio degli spazi della socialità urbana.
Per una domenica si vuole che sia la città a cambiare aria e che ognuno dia un segnale dedicando al proprio territorio, al proprio paese un momento di partecipazione lasciando a casa l’automobile e inforcando la bicicletta per partecipare con la propria famiglia, con i propri amici ai tanti eventi, iniziative, happening che saranno organizzati in tutte le città che aderiranno alla manifestazione.
Il Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con ANCI e con ANCMA, sta creando il quadro generale di accordi con le associazioni di categoria, con le associazioni di cicloamatori, con le aziende di trasporto che ogni Comune potrà utilizzare e replicare a livello locale.
In questa sezione del sito internet del Ministero sarà possibile trovare l’elenco di tutte le città che aderiranno alla Giornata Nazionale della Bicicletta, scoprire quali sono le iniziative organizzate a livello locale, scaricare le locandine e i manifesti per aderire con il proprio esercizio commerciale alla Giornata, leggere il concorso Bicity 2010 dedicato ai Comuni, consultare il Protocollo d’Intesa fra Ministero e Comuni per la promozione di politiche di sviluppo e mobilità sostenibile nelle città italiane.
Per qualsiasi ulteriore informazione e per rimanere aggiornati con le novità della manifestazione è possibile iscriversi anche al Gruppo del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare su www.facebook.com perché, grazie all’aiuto di tutti, si diffonda la convinzione che LA BICI MOBILITA L’UOMO!

..
.

.
. Bookmark and Share .

02/05/10

La bicicletta è un altro ottimo sport per rassodare ed alzare i glutei ....





È uno sport molto bello da praticare all’aria aperta, ma che si può fare anche all’interno, per mezzo di cyclette e bici da spinning.
Con la bicicletta si sviluppa in particolar modo il grande gluteo, ovvero il muscolo principale dei glutei, quello posto più superficialmente e che dà la forma ai glutei. Oltre a questo naturalmente si lavorerà anche su altri muscoli delle gambe e in certi casi anche delle braccia.
Con un muscolo poco sviluppato i glutei appariranno più facilmente flaccidi e piatti, mentre se si allena il muscolo, per esempio appunto con molta bicicletta, i glutei appariranno sodi e ben arrotondati.

Non a caso gli sportivi in genere hanno un fisico tonico e asciutto e glutei sodi e ben formati.

Con la bicicletta si possono avere vari modi di pedalare, dipende infatti dal tipo di bici e dai percorsi che si scelgono:

* Cicloturismo: adatto a chi ama viaggiare in bicicletta, permette anche di portare bagagli

* Mountain bike: per chi ama percorsi sterrati con salite e discese

* City bike: una bicicletta semplice e leggera per gli spostamenti urbani

* Ibrida: è un compromesso tra quella da cicloturismo e la city bike, ideale per le escursioni ma anche per percorsi urbani

* Bicicletta da corsa: in materiali tecnici, dal telaio leggerissimo e pneumatici molto sottili, permette un ciclismo in velocità

* Cyclette: è una bicicletta statica da casa o da palestra, con pedalata regolabile con vari livelli di durezza

* Spinning: è la bici da corsa per interni, quindi statica ma con possibilità di regolare la velocità, la durezza e l’inclinazione della pedalata.

Prima di spendere cifre considerevoli per una bicicletta, è bene cercare di capire che tipo di ciclismo sia più adatto al proprio fisico, alla preparazione atletica, alla muscolatura e allo stile di vita.
Si può cominciare a fare delle gite con una normale bicicletta e poi quando gradualmente si aumenta la muscolatura e si sceglie il tipo di percorso preferito ci si può orientare per l’acquisto di una buona bicicletta, da corsa, da montagna, da viaggio, ecc.
Come per tutti gli sport anche la bicicletta richiede costanza nell’allenamento. Non si può infatti pretendere di rassodare i propri glutei con la bicicletta, se ci si va solo un weekend su tre, a seconda delle condizioni meteorologiche. Per chi desidera fare un allenamento costante con la bici, se vuole vedere veri risultati anche sui glutei, è consigliabile avere la possibilità di fare cyclette o spinning, in modo da mantenere l’allenamento anche in caso di brutto tempo.


. .
.

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco blog AMICI

Post più popolari